Dal 14 settembre, la galleria d’arte “K35 “e l’agenzia “Artitude” hanno dato il via al progetto annuale espositivo ART IT.

ART IT dà al pubblico di Mosca la possibilità di conoscere le migliori opere d’arte contemporanea italiana, quest’anno rappresentata da cinque autori molto diversi tra loro.

Marco Cingolani presenterà una scultura in filo metallico. Nelle mani di Cingolani, perfino la materia più aspra acquisisce forme eleganti di figure umane, come se fossero congelate e sospese, a gravità zero. Il complesso lavoro di Piero Principi, invece, tecnologia mescolata con oro naturale, ci rinvia alle opere degli artisti d’avanguardia dell’inizio del XX secolo. Luca Zampetti, poi, trae ispirazione dalla cultura americana e realizza grandi foto a tema cinematografico con l’aiuto della matita e della pittura su legno. Le foto dinamiche di Alberto Moretti mettono in risalto le curve del corpo umano impegnato nella danza, mentre Anna Lorenzini, su tele stratificate, esplora le domande del passato e del presente.

I curatori del progetto credono che l’arte contemporanea italiana sia pertinente e interessante oggi più che mai. Soprattutto perché, essendo cresciuti all’ombra di tradizioni secolari, i maestri italiani non hanno paura di rompere con gli stereotipi e ‘andare in scena’ con creazioni completamente inaspettate. La libertà degli artisti del Bel Paese è, in questi anni, ripagata da una grande attenzione del panorama artistico internazionale.

ART IT, inoltre, non è solo una mostra di arte contemporanea italiana, ma è stata anche un’opportunità per i visitatori, che hanno potuto diventare, infatti, creatori o curatori del progetto. Per far questo, hanno solo dovuto votare la migliore realizzazione di ogni autore, per consentirle di essere esposta in una sala speciale della galleria d’arte K35.

Post correlati

Commenti

commenti