Claudia Redigolo

Autore: Claudia Redigolo

30 anni, laureata in russo e inglese alla facoltà di lingue e letterature europee ed extraeuropee all’Università degli Studi di Milano. Vive a Mosca dal dicembre 2011, dove lavora come traduttrice presso l’agenzia di traduzioni accreditata presso l’Ambasciata d’Italia a Mosca “Pravo i slovo”. Appassionata di letteratura, viaggi, cucina, cinema e, manco a dirlo, di Russia!

Claudia ha pubblicato 6 post

pagina 1 / 2

Fondamenti di diritto migratorio in Russia

Tutti i cittadini stranieri entrati nella Federazione Russa allo scopo di esercitare attività imprenditoriale, di investimento e lavorativa, prima o poi si scontreranno con questioni relative all'immigrazione. La varietà delle pratiche d'immigrazione è piuttosto ampia, dalla semplice registrazione all’ottenimento della carta di soggiorno o della cittadinanza della Federazione Russa.Continua…

Ottenere un Visto per la Russia: come risparmiare?

L’ottenimento del visto per la Russia è una condizione imprescindibile per poter entrare nel territorio della Federazione Russa, e costituisce una spesa non indifferente per turisti o uomini d'affari.Continua…

Lettere a MOSCOWita: lavorare da dipendenti in Russia

Ci è giunta una lettera - stavolta tramite la nostra collaboratrice Valentina Moretti e il suo blog Nonsolomatrioske.org - sulle differenze tra il lavoro dipendente in Russia e in Italia. Sicurezze, problemi ecc. L'agenzia "Pravo i Slovo" ci ha aiutati a rispondere. Continua…

La Federazione Bussa: permesso e visto di lavoro per lavoratori stranieri

Per poter lavorare legalmente e per lunghi periodi in Russia l’unica strada percorribile è quella di ottenere un permesseo e relativo visto di lavoro. Il che presuppone che abbiate già trovato un datore di lavoro disposto ad assumervi in qualità di dipendente straniero non altamente qualificato. Il fatto che non siate altamente qualificati non sta a significare che non siete laureati o che non avete sufficiente competenza ed esperienza nel vostro campo d’attività, ma si tratta di una definizione ufficiale. I lavoratori altamente qualificati, infatti, sono lavoratori stranieri che svolgono attività lavorativa per la quale mancano figure locali adeguatamente competenti e che ricevono una retribuzione minima di due milioni di rubli all’anno, equivalenti a più di 40.000 euro l’anno.Continua…

La Federazione Bussa. Come, dove, quando richiedere un visto.

Ora che avete un’idea (spero!) più o meno vaga delle prospettive lavorative che la Grande Madre Russia può offrirvi, la domanda è: cosa mi serve per partire? Risposta ovvia: un visto d’ingresso.Continua…

«