Carlo Petrini, gastronomo, sociologo, scrittore e attivista italiano, fondatore e presidente del movimento Slow Food, e’ tra le 50 persone che potrebbero salvare il pianeta, secondo Guardian.   

Anticipando il festival ”O, da! Eda!” che si  svolgera’  il prossimo weekend a Mosca, il maestro di Slow Food italiano ha tenuto la sua prima conferenza stampa nella capitale russa . Slow Food negli ultimi anni  sta conquistando anche i cuori dei moscoviti come una parte essenziale della cosiddetta ”Slow Life”, una vita’ tranquilla che una persona puo’ davvero godersi senza minima fretta,  cosi conosciuta da chi vive nelle citta’ frenetiche come Mosca.  “Andate piu tranquilli, piano piano. Non c’e nessun senso nella fretta” – un consiglio principale di Sig. Petrini.

 

Post correlati

Commenti

commenti