Storie moscowite

pagina 1 / 7

Gianni Marsili, produttore e manager musicale, racconta la sua professione

Questo post fa parte della storia

Gianni Marsili è un produttore e manager ben noto nella scena musicale italiana. Ha avuto un ruolo importante nello sviluppo di grandi artisti come Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi, Antonello Venditti e tanti altri. Per molti anni è stato il produttore esecutivo della loro discografia, portandoli verso notevoli risultati. In quest’intervista, racconta il suo percorso professionale e il contesto di quel periodo a tutti coloro che hanno intenzione di lavorare nel mondo dello spettacolo. Continua…

Il mutuo per i russi: “sogno proibito” o spauracchio

Le condizioni dei mutui ipotecari in Russia purtroppo ancora oggi risultano inaccessibili per i più. In particolare i tassi d'interesse sono ancora altissimi rispetto alle medie dei paesi occidentali: di norma si parla del 14-17% annuo a seconda della banca, della durata e di altri fattori individuali legati al mutuatario.Continua…

Stefano Mannucci: “La musica romana può far innamorare di sé il popolo russo”

Questo post fa parte della storia

Roma è una città bella non solo da vedere, ma anche da ascoltare. Un evento che racchiude la musica tradizionale romana di tutte le epoche ha scelto di chiamarsi  "Serenata per Roma":• La terza edizione si è svolta lo scorso 19 luglio a Villa Ada, all’interno della rassegna Roma Incontra il Mondo 2015. . In esclusiva per Moscowita.it Stefano Mannucci, l’ideatore della serata, ci ha raccontato le particolarità della canzone in dialetto romanesco, ci ha spiegato perché può piacere al popolo russo e quali sono i posti migliori da visitare per ascoltare stornelli romani. Continua…

“Ho dato a Marco Travaglio il ruolo del corrotto, ma sono ottimista…” Antonio Morabito al N.I.C.E. 2015

Antonio Morabito, dopo la proiezione del suo "Il venditore di medicine", ha condiviso con il pubblico russo alcuni pensieri su cosa renda la sua pellicola un vero e proprio "atto civile". In breve, la trama: Bruno è un informatore scientifico, la cui azienda (la Zafer) sta vivendo un momento difficile. Pur di non perdere il posto di lavoro, Bruno scende a pesanti compromessi, diventando l'ultimo anello nella catena del 'comparaggio', una pratica illegale che la Zafer, come altre case farmaceutiche, attua, per convincere i medici a prescrivere i propri farmaci. Continua…

“Il Mondo fino in Fondo”. Alessandro Lunardelli debutta al N.I.C.E. con un manifesto anti-italiano

Alessandro Lunardelli, regista e sceneggiatore di "Il mondo fino in fondo", prima di seguire la via del cinema e di portare la sua opera prima al N.I.C.E., si è laureato in economia, e ha cominciato a lavorare alla Sony, nel campo della fotografia digitale. Continua…

«