Storie moscowite

pagina 2 / 8

“Ho dato a Marco Travaglio il ruolo del corrotto, ma sono ottimista…” Antonio Morabito al N.I.C.E. 2015

Antonio Morabito, dopo la proiezione del suo "Il venditore di medicine", ha condiviso con il pubblico russo alcuni pensieri su cosa renda la sua pellicola un vero e proprio "atto civile". In breve, la trama: Bruno è un informatore scientifico, la cui azienda (la Zafer) sta vivendo un momento difficile. Pur di non perdere il posto di lavoro, Bruno scende a pesanti compromessi, diventando l'ultimo anello nella catena del 'comparaggio', una pratica illegale che la Zafer, come altre case farmaceutiche, attua, per convincere i medici a prescrivere i propri farmaci. Continua…

“Il Mondo fino in Fondo”. Alessandro Lunardelli debutta al N.I.C.E. con un manifesto anti-italiano

Alessandro Lunardelli, regista e sceneggiatore di "Il mondo fino in fondo", prima di seguire la via del cinema e di portare la sua opera prima al N.I.C.E., si è laureato in economia, e ha cominciato a lavorare alla Sony, nel campo della fotografia digitale. Continua…

La prima volta in Russia di Sabrina Impacciatore, madrina del N.I.C.E. 2015: “Sembrate un popolo particolarmente colto”.

Con Sabrina Impacciatore, madrina del festival N.I.C.E. 2015, ci siamo trovate a parlare subito dopo la proiezione del film "ll venditore di medicine", di Antonio Morabito, dal quale entrambe eravamo rimaste colpite. Continua…

Ashgabat, Turkmenistan: un’avventura che ha ispirato un romanzo

La nostra collaboratrice Valentina Moretti, durante una delle sue esperienze come interprete di lingua russa, ha lavorato e vissuto per due mesi ad Ashgabat, la capitale del Turkmenistan. Il posto l’ha colpita e ispirata a tal punto che, al suo ritorno, ha scritto un romanzo ambientato proprio nella città turkmena. Si intitola “Polvere nel ventricolo destro”, ed è edito dalle Edizioni Ensemble di Roma.Continua…

La “mia” Mosca: una giornata da sogno

Per me Mosca non potrà mai essere ordinaria, grigia, opprimente. Mosca non è la routine, Mosca è scoperta, emozione, è una favola caotica e variopinta, è grandezza e crudeltà, tracotanza e mestizia, Mosca è le guglie, le stelle e le cupole delle sue notti infinite, dei suoi ponti di lumini tremolanti, delle sue strade larghe come laghi d'asfalto, tagliate dalle auto in corsa.Continua…

«

»