Storie moscowite

pagina 1 / 2

Pietro Rongoni: “Un italiano ha l’astinenza da spaghetti già dopo tre giorni”

Questo post fa parte della storia

Il nostro ospite di oggi è lo chef  di "Aromi La Bottega" Pietro Rongoni, un moscovita DOC (ormai vive a Mosca da 15 anni). Durante la nostra intervista, ci spiega perché convenga cucinare senza aglio e come siano cambiati i gusti dei russi nel corso degli ultimi anni. Continua…

Gianguido Breddo: “In Italia la pasta è un’arte vera, mentre in Russia è solo un contorno”

Gianguido Breddo vive in Russia da molti anni e conosce a menadito sia la cucina russa che la cucina italiana. Console dell'Accademia Italiana della Storia dell'Arte della Cucina, è autore di molti articoli e libri sulle culture culinarie di entrambi i Paesi.Continua…

Ekaterina Antoshkina, ideatrice di Italian Week: “Per l’edizione 2013, siamo interessati a nuove collaborazioni”

Ekaterina Antoshkina, fondatrice dell'agenzia delle relazioni pubbliche "PR Project", nel 2012 ha lanciato la sua nuova "startup": il festival del cibo e della cultura italiani  "Italian Week", tenutosi, nella sua prima edizione, presso il centro commerciale Afimall, tra i più grandi di Mosca. Quest'autunno, inoltre, è già in programma la seconda edizione dell'evento. Ekaterina ha svelato a MOSCOWita alcune sorprese che attendono i visitatori dell'Italian Week 2013 ed anche la sua passione personale per tutto ciò che il Bel Paese rappresenta.Continua…

Mirko Caldino: “Quando sei al ristorante da uno chef, non dimenticare di essere un ospite”.

Questo post fa parte della storia

Aperto, timido, sorridente. Aggettivi positivi, ma non usuali da accostare, quelli che usiamo per descrivere Mirko Caldino, chef del ristorante NOA da ormai ben 9 anni. Andrey Zaitsev, il proprietario, non ha sbagliato, scegliendo Mirko come dominus delle sue cucine. Venuto da un'esperienza in un ristorante valutato una stella Michelin in Liguria, Mirko ha fatto abituare i russi alla cucina italiana di prima classe. Continua…

Valentino Bontempi: “I primi soldi li ho visti solo a 26 anni”

Questo post fa parte della storia

Valentino Bontempi ormai considera Mosca la sua seconda casa. Ha sposato una donna russa, con la quale ha avuto un figlio e che scrive, assieme a lui, libri sulla cucina italiana. Lo chef è ormai diventato famosissimo nella capitale russa.Continua…

«