La settimana scorsa ci é arrivata un’altra lettera interessante. Questa volta – da Daniela, l’imprenditrice calabrese che ha preso una decisione importante – trasferirsi a Mosca. Noi, come già lo sapete, cerchiamo di darvi tutte le dritte possibili e diventare una sorta di “insight” per le vostre esigenze legate in qualche modo alla vita moscovita.

 

Ciao! Sono Daniela e sono italiana, anzi, a dirla tutta sono calabrese! Ho cominciato a lavorare a 22 anni, lasciandomi alle spalle Roma e gli studi universitari, per intraprendere la carriera di giovane imprenditrice iniziando un’attività tutta mia ( ho aperto una piccola e graziosa boutique qui in Calabria) che mi ha dato grosse soddisfazioni. Poi sono arrivati i “fatidici trenta” (con i “cosa voglio dalla vita”), la crisi economica, l’insoddisfazione (data da una piccola realtà di provincia che non ti può dare più di quanto non t’abbia già dato in 8 anni), la voglia di crescere (lavorativamente parlando ovviamente!), di muoversi e la sensazione di poter fare di più che stare ferma ad aspettare che la vita e le opportunità ti passino davanti. Ed io, che amo viaggiare e rimango sempre colpita ed affascinata da tutto ciò che “non parla la mia lingua”, mi sono detta che forse era arrivato il momento di guardarsi intorno e cambiare rotta. Così ho deciso che, quale Capitale al momento non riesce a sfuggire all’effetto catastrofico della crisi abbattutasi su quasi tutta l’Europa, anzi sortendone un’effetto inverso, se non Mosca?! A parte la barriera linguistica, che cercherò di abbattere al meglio, con un immediato corso di russo non appena messo piede in territorio moscovita (visto permettendo, dovrei esserci per il 10 ottobre), e sperando che il mio inglese riesca a farmi comunicare con almeno un 30% della popolazione (e di questo ringrazio il mio ex, inglese di Londra, che in due anni di convivenza, oltre ad un considerevole numero di corna, mi ha, quanto meno, “omaggiato” di un ottimo ed intensivo corso di madre lingua inglese, parolacce incluse ovviamente) l’unico vero e proprio impedimento sono i contatti, che non ho. Ed è proprio per questo che vi scrivo. Perchè, a parte sapere che, forse su Vogue russia esagerano un pò con Photoshop, non so da dove cominciare… La mia idea era ovviamente di rimanere nel campo della moda, sia poichè la considero la mia più grande passione, sia tenendo conto delle competenze e l’esperienza acquisite. Spero mi possiate dare qualche contatto o qualche suggerimento su questa importante esperienza che sto per intraprendere. Ringraziandovi per l’attenzione, e spero, per qualche buona dritta, mi scuso per la forse eccessiva prolissità…ma sono calabrese e parlo troppo!

Saluti
Daniela 

Risponde la nostra consulente della settimana Natalia Loupen:

Ciao Daniela,
fa piacere che nel tuo desiderio imprenditoriale hai deciso di puntare su Mosca e non su Londra, visto che conosci perfettamente inglese e che la moda londinese è quasi allo stesso livello di quella della capitale russa. Ci fa piacere che Mosca attira le persone come te con un’iniziativa imprenditoriale e desiderio di mettersi in gioco. Prima di tutto, ti consiglierei di fare un giro conoscitivo per le boutique moscovite, per vedere quali collezioni e brand vanno di più e di chiedere anche i prezzi di affitto di un negozio a Mosca, ti assicuro che il canone è ben più alto rispetto alla Calabria. Da una vera imprenditrice, dovresti farti un bel business plan perché iniziare un’attività in un posto diverso significa investire all’inizio e ottenere un profitto dopo. Quasi tutti gli agenti e imprenditori russi che lavorano con la moda italiana o hanno un interprete o parlano bene italiano o inglese, perciò non credo che avresti dei problemi linguistici per conoscerli. Per quanto riguarda i contatti stessi dovresti fare un giro nelle Fiere di Mosca dedicate ai professionisti di moda, cercale sui siti dei Poli espositivi che sono numerosi a Mosca: expomap.ru/catalog/moscow/ o www.expocentr.ru/ (tutti questi sono i cataloghi delle fiere in lingua russa, ma penso, che la tua conoscenza iniziale della lingua ti aiuterà a capire almeno di quale settore si tratta dai nomi delle fiere). Per quanto riguarda l’informazione sugli eventi fashion e varie mostre fotografiche puoi anche andare a vedere il sito di Afisha (anche in lingua russa) dove c’è una sezione intera dedicata alle mostre d’arte e non solo. Se, invece, cerchi l’informazione in lingua italiana, ti conviene visitare il sito della Camera di Commercio Italo-Russa, che pubblica degli eventi interessanti a cui l’ingresso quasi sempre è gratuito (a proposito, organizzano spesso le missioni imprenditoriali anche dei calabresi a Mosca ed altre città russe), o il sito di Russia Oggi (calendario affari e quello culturale).
Sicuramente alle Fiere troverai la gente che ti interessa.
Tanti saluti e in bocca lupo!

Natalia Loupen è moscovita ed è orgogliosa di esserlo, perché ama Mosca per il suo dinamismo, per l’entusiasmo e lo spirito di iniziativa che vi si respira. Dopo la laurea si è impegnata a portare l’alta moda italiana a Mosca, nelle boutique, sulle passerelle e nel design, in generale. Facendo frequenti viaggi a Milano, si è innamorata della bellezza della terra italiana. Da anni vive tra Mosca e Milano, aiutando agli italiani a scoprire la capitale russa, contrastando lo stereotipo che la descrive come una città fredda e inospitale.

 

Post correlati

Commenti

commenti